Cassazione: occhio a non medici nei centri per dimagrire

Attività quali il controllo sulle intolleranze alimentari, la verifica dei bisogni nutritivi e della corretta assunzione di alimenti sono “tipiche del medico chirurgo specializzato in scienze dell’alimentazione”, ed esercitarle senza titolo costituisce esercizio abusivo della professione medica. La Cassazione ha per questo confermato la condanna inflitta dalla Corte d’Appello di Roma a una coppia di Frosinone che gestiva un centro “Dimagrire Mangiando”.

Attività quali il controllo sulle intolleranze alimentari, la verifica dei bisogni nutritivi e della corretta assunzione di alimenti sono “tipiche del medico chirurgo specializzato in scienze dell’alimentazione”, ed esercitarle senza titolo costituisce esercizio abusivo della professione medica. La Cassazione ha per questo confermato la condanna inflitta dalla Corte d’Appello di Roma a una coppia di Frosinone che gestiva un centro “Dimagrire Mangiando”.

Lui commercialista “naturopata”, lei psicologa, nel loro centro – come accertato nei giudizi di merito – sottoponevano i clienti a vari controlli, richiedevano esami del sangue, che poi interpretavano loro stessi. E sulla base dell’anamnesi predisponevano controlli alimentari. Nell’archivio tenevano schede per ciascun cliente con annotate quantità e qualità degli alimenti assunti. La Corte d’Appello di Roma li aveva per questo condannati nel dicembre del 2011 per esercizio abusivo della professione (art. 348 del codice penale). I titolari si sono difesi sostenendo che le attività svolte nel loro centro non fossero “atti tipici della professione di medico dietista”, limitandosi a dare ai propri clienti “consigli sullo stile di vita e di natura alimentare” senza prescrivere o eseguire esami diagnostici. Inoltre nel centro non esibivano titolo e insegne equivoche.
La sesta sezione penale della Cassazione ha invece sottolineato come lo svolgimento in modo continuativo di queste “complesse attività” sia “riservato all’esperto in scienze dell’alimentazione”, e ha perciò confermato la condanna.

http://www.doctor33.it/cassazione-occhio-a-non-medici-nei-centri-per-dimagrire/politica-e-sanita/news-45385.html

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Dieta e menopausa

Le abitudini alimentari potrebbero costituire un fattore di rischio per i sintomi vasomotori della menopausa (VMSs), vale a dire, vampate di calore e sudorazioni notturne.

Questo è quanto è stato evidenziato da uno studio prospettico di coorte su 6.040 donne in menopausa fisiologica spontanea che sono state seguite per più di 9 anni con intervalli di oltre 3 anni. Si procedeva valutando i consumi alimentari al basale nel 2001, e la presenza di VMSs al basale e nel follow-up.

 

Sono stati identificati 6 pattern alimentari: consumi verdure cotte, di frutta, modello mediterraneo, consumi di carne e prodotti trasformati derivati dalla carne, consumi di prodotti lattiero-caseari, e alto contenuto di grassi e zuccheri.

 

In stanza si è potuto evidenziare che il modello alimentare con maggior consumo di frutta o quello di stile mediterraneo erano inversamente associati alla comparsa dei sintomi vasomotori della menopausa. Il modello a elevato contenuto di grassi e di zuccheri, invece, era associato a un aumento del rischio di VMSs. Dunque, aumentare l’apporto di frutta e verdura nella dieta di una donna in menopausa, potrebbe essere una soluzione vincente.

Fonte:

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23553160

Am J Clin Nutr. 2013 Apr 3. [Epub ahead of print]
Fruit, Mediterranean-style, and high-fat and -sugar diets are associated with the risk of night sweats and hot flushes in midlife: results from a prospective cohort study.

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

La pagina facebook

Da qualche giorno abbiamo anche una pagina facebook.
PagFB

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

AUMENTO DI PESO IN GRAVIDANZA

 

L’aumento auspicabile di peso delle gestanti e il loro bisogno aggiuntivo di energia sono diversi in funzione dell’Indice di Massa Corporea (IMC) pre-gravidanza.

È possibile dare le seguenti indicazioni di massima:

- per chi inizia la gravidanza sottopeso (IMC inferiore a 18,5) le necessità in energia sono maggiori e l’aumento di peso auspicabile è fra i 12,5 e i 18 kg.

- per chi inizia la gravidanza in situazione di normopeso (IMC fra 18,5 e 25), l’aumento di peso auspicabile è fra gli 11,4 e i 16 kg. Una ipotesi di giusta progressione è quella che prevede un aumento di 3,5 kg dopo le prime 20 settimane e, in seguito, di circa 0,5 kg a settimana.

- per chi inizia la gravidanza in situazioni di sovrappeso (IMC superiore a 25), è auspicabile contenere l’aumento di peso fra i 7 e gli 11,5 kg.

- per chi è obesa all’inizio della gravidanza (IMC superiore a 30), il guadagno di peso raccomandato è intorno ai 7 kg

Bibliografia:

  • “LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIAN” : INRAN, Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione
  • “LINEE GUIDA GRAVIDANZA FISIOLOGICA” Ministero della Salute
Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Mamme: bisogni nutrizionali in gravidanza

Ci sono alcuni periodi della vita in cui aumenta il rischio di carenze nutrizionali e di conseguenza cambiano le indicazioni alimentari. Non si tratta di malattie, ma di veri e propri stati fisiologici, legati all’età o a condizioni transitorie ed è importante conoscere le necessità specifiche di ogni periodo.
In GRAVIDANZA l’alimentazione non deve cambiare molto.

L’alimentazione della gestante non si discosta molto da quella dei periodi normali, anche se deve coprire non solo i bisogni nutritivi della madre ma anche quelli del nascituro e garantire il regolare decorso della gravidanza. Ciò porta comunemente a dire che la gestante debba “mangiare per due”, affermazione certamente esagerata.

È però vero che se la dieta della donna non copre i bisogni del feto, l’accrescimento di quest’ultimo intaccherà le riserve materne di nutrienti, il che, oltre ad aumentare il rischio di malattie per la madre, può influenzare negativamente lo sviluppo del bambino.

La richiesta supplementare di energia per la gestazione è relativamente contenuta, varia a seconda del periodo (in media è intorno alle 300 kcal giornaliere dal secondo trimestre) ed è tale da non comportare cambiamenti rilevanti nelle normali abitudini alimentari della gestante: è importante tenerne conto, per evitare che si verifichino rischiosi aumenti di peso oltre i limiti desiderabili.

L’alimentazione della gestante sana richiederà qualche attenzione in più sotto il profilo della qualità, in relazione soprattutto alle proteine, al tipo di grassi e ad alcune vitamine e minerali.  All’aumentata domanda in proteine, tipica della condizione, la gestante può far fronte ricorrendo al pesce, alle carni magre, alle uova, al latte, ai formaggi e ai latticini, ma anche al pane, alla pasta, al riso e agli altri cereali i quali, se non troppo raffinati, contribuiscono anche a prevenire la stipsi, disturbo frequente durante la gravidanza. I legumi secchi apportano proteine, ferro e calcio, ma possono favorire in alcuni casi la comparsa di meteorismo e di coliche addominali, condizioni che in gravidanza è particolarmente raccomandabile evitare. Tra le vitamine e i minerali, la gravidanza comporta necessità decisamente superiori per quanto riguarda il calcio (nel 3° trimestre circa 200-250 mg passano ogni giorno nello scheletro del feto: se non è l’alimentazione materna a fornirli, saranno le ossa della madre a privarsene, decalcificandosi), il ferro (bisogni quasi raddoppiati rispetto alla donna adulta: spesso è necessario ricorrere a supplementazioni), i folati (bisogni raddoppiati, opportunità di supplementazioni) e anche altre vitamine quali la B1, la B2, la B12. Occorre quindi arricchire la dieta base con latte e latticini e consumare un’ampia varietà di frutta e ortaggi, privilegiando le verdure a foglie larghe di colore verde scuro.  Per quanto riguarda l’acqua, la gestante, oltre ai propri bisogni, deve coprire anche quelli gestazionali e fetali (sangue materno, liquido amniotico e annessi, sangue e tessuti fetali) per una richiesta totale a termine di circa 8 litri: è quindi opportuno che la normale razione di 1 litro e mezzo-2 litri sia leggermente aumentata.  Tra i grassi da condimento anche per la gestante il migliore in assoluto è l’olio extravergine di oliva.

Come comportarsi:

• In gravidanza evita aumenti eccessivi di peso e fai attenzione a coprire i tuoi aumentati fabbisogni in proteine, calcio, ferro, folati e acqua.

• In particolare, durante tutta l’età fertile abbi cura che la tua assunzione di folati copra i tuoi bisogni. In questo modo ridurrai il rischio di alterazioni del tubo neurale (spina bifida) nel feto.

In gravidanza è consigliata un’alimentazione variata

Gli alimenti da includere sono:

•              abbondanti quantità di frutta e verdura

•              farinacei come pane, pasta, riso, patate

•              proteine derivate da pesce, carne, legumi

•              abbondanza di fibre derivate da pane integrale, frutta e verdura

•              prodotti caseari come latte, formaggi, yoghurt.

Bisogna tenere conto che alcuni tipi di alimenti possono rappresentare un rischio per madre e feto:

•        formaggi a pasta molle derivati da latte crudo e muffe, come Camembert, Brie e formaggi con venature blu

•              pâté, inclusi quelli di verdure

•              fegato e prodotti derivati

•              cibi pronti crudi o semicrudi

•              carne cruda o conservata, come prosciutto e salame

•              frutti di mare crudi, come cozze e ostriche

•             pesce che può contenere un’alta concentrazione di metil-mercurio, come tonno (il consumo deve essere limitato a non più di due scatolette di media grandezza o una bistecca di tonno a settimana), pesce spada, squalo

•              latte crudo non pastorizzato.

In gravidanza il consumo di caffeina (presente nel caffè, nel tè, nella cola e nel cioccolato) dovrebbe essere limitato a non più di 300 mg/die.

  • In gravidanza è consigliabile astenersi dal consumare bevande alcoliche di qualsiasi genere

Bibliografia:

  • “LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIAN” : INRAN, Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione
  • “LINEE GUIDA GRAVIDANZA FISIOLOGICA” Ministero della Salute
Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

A mangiare bene si impara!

Una sistematica educazione alimentare potrebbe essere la via giusta per ottenere una perdita di peso e mantenerla nel tempo.

Questo è quanto si è evidenziato in uno studio condotto in Polonia nel quale sono stati coinvolti 30 donne (età media 48 + / – 12,5 anni – range 31-72 anni), e 30 uomini (età media 51 + / – 13.2 anni – range 23-70 anni) obesi che avevano dichiarato l’intenzione di perdere peso.

Tramite un questionario appositamente studiato, all’incontro di arruolamento e dopo un anno, sono state indagate le frequenze di consumo di alcuni prodotti e sono stati misurati alcuni parametri ematochimici.

Tutti i partecipanti sono stati sottoposti a una dietoterapia basata su una sistematica educazione alimentare, nella quale si consigliava, in sintesi, una restrizione della dieta specie per gli alimenti ipercalorici.

Dopo un anno le donne avevano significativamente ridotto i consumi di: pasta, succhi di frutta e verdura, patate, formaggi stagionati, zucchero, carne, pancetta e lardo, burro e panna, a vantaggio del consumo di pane integrale, semola, riso, verdure e frutta, ricotta, olio di pesce e vegetale.

E lo stesso avveniva anche per gli uomini con dati meno significativi. La diminuzione del peso corporeo è stata del 2,8 +/- 7,1 kg nelle donne e 1.4 +/- 3,2 kg negli uomini.

La riduzione media della circonferenza vita è stata di 3,6 +/- 6,5 cm nelle donne e 3.6 +/- 4,8 cm negli uomini. Il colesterolo HDL era aumentato significativamente nelle donne e in modo non significativo negli uomini, mentre il colesterolo LDL e  i livelli di trigliceridi sono diminuiti significativamente in entrambi i gruppi. Anche la pressione arteriosa subiva un decremento in entrambi i gruppi.

Fonte:

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22642074 Rocz Panstw Zakl Hig. 2012;63(1):83-90.   [Effects of dietary habits modifications on selected metabolic parameters during weight loss in obese persons].

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

NAS :Operazione “Easy-Diet”. L’Etologo Alimantare non è un titolo abilitante all’elaborazione e rilascio di trattamenti dimagranti e consulenze nutrizionali.

Da ” La Repubblica”:

IL CASO

Operazione “Easy Diet” 14 indagati, anche medici.

Coinvolti biologi, psicologi, dottori e un dirigente del ministero dello Sviluppo economico in master-truffa per nutrizionisti. Sequestrati dai Nas 750 falsi diplomi e 5 siti internet.

Quattordici professionisti indagati di cui 12 tra medici, biologi e psicologi per associazione a delinquere finalizzata alla truffa, un dirigente presso il ministero dello Sviluppo Economico per abuso d’ufficio e un biologo per attivazione abusiva di un ambulatorio medico polispecialistico, nonché il sequesto di 750 falsi diplomi di etologo e di 5 siti internet. E’ questo il risultato dell’operazione ”Easy Diet” del Nas di Roma, coordinata dal sostituto procuratore Corrado Fasanelli della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma.

La truffa era finalizzata alla pubblicità e vendita di corsi per il conseguimento di diplomi-master con annessi profili professionali di ”etologo alimentare” e ”etologo nutrizionista”, spacciati come titoli abilitanti all’elaborazione e rilascio di trattamenti dimagranti e consulenze nutrizionali. Ad acquistare i corsi-truffa, vittime ignare che spesso, comunque, non avevano lauree idonee. Il reclutamento avveniva a livello nazionale attraverso siti internet dedicati, brochure illustrative e depliant informativi patrocinati da docenti e consulenti che divulgavano informazioni ingannevoli.

L’acquisito del corso-master in dietologia e nutrizione, della durata di complessive 90 ore, aveva un costo di oltre 3.500 euro. Il valore della strutture sequestrate ammonta a circa 2 milioni di euro, mentre i danni cagionati dalle truffe agli acquirenti dei corsi organizzati dal 2006 a tutt’oggi, sono stimati in circa 3 milioni di euro.

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Cosa facciamo.

La Dottoressa Barbara Neri, Medico Chirurgo Specialista in Scienza dell’Alimentazione si occupa di Nutrizione clinica, Dietologia e disturbi del comportamento alimentare.
Effettua valutazioni antropometriche e dello stato di nutrizione.
Prescrive diete personalizzate per:
obesità e sovrappeso nell’adulto e nel bambino;
patologie croniche (diabete mellito, ipercolesterolemia, ipertrigliceridemia, insufficienza renale cronica, …);
intolleranze e allergie alimentari;
anoressia, bulimia, malnutrizione;
situazioni con limitazioni o fabbisogni particolari (gravidanza e allattamento, sport).

Come sancito anche con la sentenza del Tribunale di Roma (n. 3527 del 18/2/2011) la prescrizione di una dieta come atto curativo è un’attribuzione esclusiva del medico. Per approfondire.

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

apertura studio Fregene ( Rm)

La dott.ssa Neri riceve a Fregene in via Panarea 35 su appuntamento

Cell:3296052991

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Apertura studio ad Ostia

La dottoressa Neri riceve ad Ostia (Rm) in via Isole del Capoverde 11
Tutti i martedì dalle ore 15:30 alle 19 su appuntamento
Tel: 065693644.

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento